Ottime notizie per gli amanti delle uova!

Un uovo al giorno potrebbe togliere le malattie cardiovascolari di torno. Sono ormai numerosi gli studi che associano il consumo di uova ad una minore incidenza delle malattie cardiovascolari. Gli autori di una revisione sistematica hanno preso in esame i dati di 3 differenti studi effettuati da ricercatori di diversi Paesi del mondo: il Nurses ‘Health Study (NHS, 1980-2012), NHS II (1991-2013), Health Professionals’ Follow-Up Study (HPFS, 1986-2012).

Il campione sul quale si è basata la ricerca è ampio, e questo rende il risultato maggiormente attendibile: i partecipanti includevano 83349 donne del NHS, 90214 donne del NHS II e 42055 uomini di HPFS che erano liberi da malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e cancro al basale. Dopo più di 32 anni di follow-up, sono stati identificati 14806 partecipanti con malattia cardiovascolare (infarto miocardico non fatale, cardiopatia coronarica fatale e ictus). I partecipanti con un più alto consumo di uova presentavano un maggiore indice di massa corporea, avevano meno probabilità di essere trattati con statine e consumavano più carni rosse. La maggior parte delle persone consumava tra una e meno di cinque uova a settimana. Nel corso della ricerca è dapprima risultato che il consumo di almeno un uovo al giorno non era associato al rischio di malattia cardiovascolare incidente. Nella meta-analisi aggiornata degli studi di coorte prospettici si è poi visto che un aumento di un uovo al giorno non era associato al rischio di malattie cardiovascolari, malattia cardiaca e cerebrovascolare. In sostanza, in un’approfondita lunga serie di analisi stratificate per posizione geografica, non è stata trovata alcuna associazione tra consumo di uova e rischio di malattie cardiovascolari tra le coorti statunitensi o le coorti europee, ma è stata invece osservata un’associazione inversa nelle coorti asiatiche. I risultati, dunque, portano alla conclusione che un consumo moderato di uova (fino a un uovo al giorno) non solo non è associato al rischio complessivo di malattie cardiovascolari, ma presenta un rischio potenzialmente inferiore di malattie cardiovascolari, incidenza notata maggiormente nelle popolazioni asiatiche.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Dott. Vincenzo Liguori - Biologo nutrizionista

ISCRIVITI ALLA

NEWSLETTER!

Compilando il modulo affianco potrai ricevere periodicamente ed in esclusiva per te preziosi consigli nutrizionali, approfondimenti, e ricette salutari oltre che promozioni e contenuti riservati solamente agli iscritti. È semplice ma soprattutto è gratuito! Inoltre ti garantisco che i tuoi dati rimarranno al sicuro e non verranno ceduti a terzi.